sabato 5 aprile 2014

Europee, Donzelli (FdI-An): "Domenici è condannato per la morte di Veronica Locatelli. Ripugnante che sia candidato. Renzi ci ripensi"

Europee, Donzelli (FdI-An): "Domenici è condannato per la morte di Veronica Locatelli. Ripugnante che sia candidato. Renzi ci ripensi"

"Il Pd ha candidato alle europee Leonardo Domenici, condannato per la
morte di Veronica Locatelli avvenuta al Forte Belvedere quando era Sindaco di Firenze."
Una vicenda raccapricciante seguita alla morte nello stesso posto e
nello stesso modo di Luca Raso di due anni prima". Lo ha dichiarato Giovanni Donzelli, capogruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale in Regione Toscana, intervenendo sulla candidatura dell'ex sindaco di Firenze nelle liste Pd alle prossime elezioni europee.

"Nel Pd fanno i moralisti per le cene di Berlusconi - dichiara Donzelli e poi candidano
chi si è reso responsabile di morte. Vomitevole l'arroganza di potere
di questi uomini".

"Renzi, oggi segretario del Pd ci ripensi su questa candidatura - continua Donzelli - altrimenti le lacrime versate e le parole dette alla città e alle madri di Luca e Veronica avranno il sapore amaro della falsa ipocrisia"

"Domenici era Sindaco in entrambi i casi - ha spiegato Donzelli - Per la morte di Luca è stato condannato l'allora suo assessore alla cultura Simone Siliani. Dopo la morte di Luca Raso a una mia interrogazione Domenici in persona rispose che era tutto regolare e il posto sicuro e invece dopo due anni è avvenuta  la morte di Veronica nello stesso luogo e nello stesso modo."

"Tra l'altro in città c'è stata molta amarezza - spiega il consigliere regionale - e adesso c'è attesa per le motivazioni della sentenza da tutti ritenuta nonostante la condanna troppo lieve e generosa nei confronti del Sindaco."

"Mentre Domenici gioca allo statista in Europa  e forse rincorre l'immunità nei processi ancora in corso - attacca Donzelli - nessuno potrà ridare agli amici e alle famiglie la compagnia di Luca e Veronica"

"Un politico che con la propria superficialità nello svolgere il proprio ruolo causa la morte - conclude Donzelli - dovrebbe sparire dall'attività pubblica non candidarsi al parlamento europeo"