sabato 23 agosto 2014

Kahlouche Condanni stragi di cristiani o taccia

Non accettiamo lezioni di civiltà da chi inneggia all'odio religioso, Kahlouche condanni le stragi di cristiani in Iraq o taccia. Lasciare spazi pubblici a chi non prende le distanze dai tagliagole non è accoglienza ma pericolosa debolezza.

 Ahmed Kahlouche è intervenuto sulla cronaca di Montecatini de La Nazione per attaccare Fratelli d'Italia e Lega che hanno chiesto spiegazioni sul perchè è stato concesso a prezzo irrisorio il Palaterme di Monsummano per la conclusione Ramadam islamico.


Al giornalista che chiede se condanna le stragi dei cristiani in Iraq risponde con perifrasi sulle responsabilità condivise della guerra in corso, senza riuscire a dire una parola netta contro i tagliagole.

Purtroppo dobbiamo constatare come Kahlouche faccia parte di quel mondo islamico incapace di aprirsi al dialogo. Basta ricordare al contrario i gesti di coraggio della giornalista irachena Dalia AlAqidi che ha condotto il telegiornale con la croce al collo o quello della libanese Dima Sadeq che è andata in tv con la maglia con la lettera N di "nazareno" stampata in solidarietà alle persecuzioni cristiane del mondo.

Kahlouche parla perchè è spalleggiato dal buonismo opportunista della sinistra toscana che si è contraddistinta negli anni con politiche di sostentamento ad attività di finto assistenzialismo che ha solo provocato danni ai cittadini toscani.

Kahlouche condanni le persecuzioni cristiane e abbia la decenza di portare rispetto a popoli, usanze  e religioni di chi lo ospita.