lunedì 3 novembre 2014

La Regione paga le vacanze ai rom: 500 euro a persona e volo gratis

Una vacanza pagata dalla Regione Toscana, un "viaggio premio" per andare a trovare parenti e amici. E' il piano di rimpatrio assistito per i rom che il Comune di Pisa e la Regione (attraverso la Società della Salute) stanno attuando per far chiudere il campo nomadi della Bigattiera, alle porte di Tirrenia. Nel dettaglio, le istituzioni pagano il volo e un contributo fino a 1500 euro a famiglia per far tornare i rom in Macedonia, senza però alcuna garanzia che questi non facciano ritorno in Toscana. E per chi non gradisce il pacchetto vacanza la sinistra al governo propone un'alternativa altrettanto ghiotta: il contributo affitto pagato dalla Regione.

Una situazione paradossale, ben oltre i limiti del ridicolo che la Regione offre a 130 rom una vacanza strapagata mentre quei soldi potrebbero essere usati per aiutare migliaia di famiglie toscane che faticano ad arrivare a fine mese. Invece la sinistra preferisce offrire anche un contributo affitto ai rom che intendono restare a Pisa: ecco le vere priorità di chi governa in Toscana. I numeri sono inequivocabili: dopo aver tolto ai rom luce e scuolabus pur di mandarli via, adesso si propone loro il volo di sola andata e 200 euro a testa (fino a 1500 per nucleo familiare) con contributo ministeriale per andare in Macedonia, e ben 500 euro a persona pagati da Società della Salute e Croce Rossa. Per chi vuole restare, invece, c'è un sostegno sulle quote d'affitto di un alloggio. Il beneficiario può tranquillamente andare in vacanza a trovare i parenti, incassare i 500 euro e spenderne 100 per tornare in Toscana con il primo pulmino. Un regalo di Natale in anticipo. "A Pisa abbiamo già sperimentato quanto siano fallimentari i 'patti' per il rimpatrio assistito dei rom – aggiunge Filippo Bedini, portavoce provinciale di FdI – che non possono essere vincolati, essendo cittadini europei. L'emergenza abitativa in città è già oltre i limiti tollerabili: come si va dicendo da tempo, è ora che a farsi carico di queste persone siano tutte le province toscane in quota parte, Pisa non può pagare per tutti".
Poco distante, a Pistoia, la Regione ha appena dato un contributo di 500mila euro per finanziare la costruzione di un campo Rom (provvisorio, peraltro) dove andranno a vivere appena 50 persone. Per ogni singola persona, la Regione spenderà dunque 10mila euro: un altro spreco di denaro pubblico.