martedì 19 dicembre 2017

ROGO CAPANNONE, "DENUNCIAMMO IN UN SOPRALLUOGO"

"Quello che è accaduto oggi all'Osmannoro, nella periferia di Firenze, è gravissimo: ancora una volta una persona è morta in un capannone occupato abusivamente. Nel febbraio scorso, durante un sopralluogo nella zona, eravamo entrati nella palazzina in cui oggi è divampato il rogo, abitata da molto tempo da rom che vivevano in condizioni di scarsa igiene e di grave pericolo".


"Abbiamo denunciato la presenza di numerose bombole del gas e di varie attrezzature elettriche invocando per questo l'intervento del Comune di Sesto Fiorentino, della Regione Toscana e dell'Azienda Sanitaria. Evidentemente le nostre segnalazioni sono state ignorate: è una vergogna che le istituzioni non siano intervenute per risolvere una situazione del genere, peraltro considerata un pericolo dagli stessi cittadini residenti nella zona".

E' quanto ho dichiarato insieme al capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio comunale a Firenze, Francesco Torselli, dopo la tragedia causata da un rogo avvenuto in un edificio nel Comune di Sesto Fiorentino.

 "Purtroppo non è la prima volta che le nostre denunce vengono ignorate - non possiamo accettare che nel 2017 una persona muoia in questo modo. Ecco il risultato della politica buonista della sinistra, che ignora ogni regola di legalità".

"Oggi è chiaro che i responsabili di questa tragedia sono le istituzioni che in nome di una incomprensibile 'tolleranza' hanno deciso di non intervenire - concludono - senza un cambio di rotta deciso, purtroppo, situazioni del genere saranno destinate a verificarsi ancora".