sabato 10 febbraio 2018

AREZZO: NOI NON ESPORTIAMO CANDIDATI A BOLZANO


Il tour in Toscana per la presentazione dei candidati di Fratelli d'Italia ha fatto tappa oggi ad Arezzo, terra vessata dalla sinistra che l'ha usata come trampolino di lancio e poi calpestata senza scrupoli.


La nostra è una sfida al sistema di potere del Partito democratico in Toscana, una battaglia che da anni combattiamo senza sconti e che sta portando risultati importanti. Per questo, piuttosto che lanciare le ‘candidature-figurina’, abbiamo preferito puntare i nostri uomini più rappresentativi, che da anni si battono per portare al governo i nostri valori e contro l'arroganza della sinistra.

Oltre alla mia candidatura alla Camera e di Fabrizio Rossi al Senato, così, ci sono quelle aretine di Giovanna Carlettini (Camera) e Francesco Lucacci (Senato). Abbiamo fatto una sola eccezione a questa regola, perché Letizia Giorgianni è una donna che si è battuta per i diritti dei risparmiatori di Banca Etruria, e non solo, truffati dal governo Renzi.


La differenza fra noi e la sinistra è che la Boschi è stata costretta a candidarsi a Bolzano, in Trentino. Letizia Giorgianni, invece, può presentarsi orgogliosamente in Toscana ed incarna perfettamente le nostre battaglie. Il centrodestra governa Arezzo, Grosseto e Pistoia. Non abbiamo intenzione di fermare questa ondata.