lunedì 29 ottobre 2018

ARRESTATI E SUBITO SCARCERATI: NON SI TROVANO PIU'


Tre marocchini clandestini e spacciatori pregiudicati erano stati arrestati nell'aprile scorso all'interno di un edificio nell’area industriale “Candeli” a Poggio a Caiano (Prato), ma subito scarcerati dal giudice. A distanza di sei mesi la Cassazione ha stabilito che avrebbero dovuto restare in carcere, solo che nel frattempo si sono dileguati e non si trovano più.

Ecco fatta la frittata. E ora chi paga? Questi personaggi continueranno a beffarsi dell’Italia: un sistema così fa schifo, premia i criminali e rende inutile il lavoro delle forze dell’ordine. Presenterò una nuova interrogazione al governo perché ci dia notizie dei tre uomini: per noi di Fratelli d'Italia devono essere espulsi immediatamente e scontare la pena a casa loro. 

Ora i tre uomini dovranno essere processati, ci manca solo che oltre al danno di aver fatto fuggire tre criminali gli italiani debbano pagare anche le spese della giustizia. Ai tre marocchini sono stati persino restituiti gli 850 euro che gli erano stati sequestrati, guadagnati presumibilmente dai proventi della droga. 

Si tratta dell'ennesima situazione assurda e paradossale del nostro sistema: chiediamo al governo, che non ha risposto alla nostra precedente interrogazione sul tema, di dare risposte concrete al più presto.