lunedì 26 novembre 2018

FORTETO: LE VITTIME DENUNCIANO IL LICENZIAMENTO


Una vittima parte civile al processo e un testimone ci hanno messo la faccia. Ma ce ne sarebbero altre che la cooperativa Il Forteto ha deciso di cacciare: per loro è stata avviata la procedura di esclusione da soci.

Dopo l'interrogazione che ho presentato alla Camera dei Deputati (CLICCA QUI) oggi ho partecipato alla conferenza stampa in Consiglio regionale in cui due persone hanno deciso di denunciare quanto accaduto.

Venerdì scorso ho presentato l'atto in cui ho chiesto al Ministro Di Maio se fra i 34 soci che il Forteto ha comunicato di aver escluso ci siano, oltre alle persone che hanno deciso di denunciare gli orrori della setta, anche coloro che non si sono pentiti e hanno invece continuato a difendere la "vecchia gestione". Oppure che, addirittura, è stato condannato ma salvato dalle prescrizioni.

Al Forteto, dopo che sono emersi i fatti che hanno portato alle sentenze, stanno accadendo fatti molto gravi: delle persone, che dopo le condanne sono state costrette a lavorare fianco a fianco con coloro che hanno continuato a difendere i metodi della setta, rischiano di perdere il loro lavoro per il solo fatto di aver denunciato.

Per questo oggi una volta di più è urgente che il Ministero dello Sviluppo Economico commissari al più presto la struttura: non c'è più tempo da perdere.