mercoledì 19 dicembre 2018

GOVERNO SENZA SENSO VOTA CON LA SINISTRA. COOPERATIVE POTRANNO ANCORA FINANZIARE I PARTITI


In prima lettura alla Camera avevamo approvato un emendamento all'Anticorruzione per vietare alle cooperative sociali di finanziare i partiti politici (LEGGI QUI). Dopo l'approvazione al Senato abbiamo chiesto di estendere questo divieto anche alle cooperative non sociali, anche alle cooperative alimentari, per esempio. Eppure il governo ha espresso parere contrario e, votando insieme alla sinistra, ha respinto il nostro ordine del giorno.



Se si vuole rompere quel legame a volte morboso, poco trasparente e poco chiaro che ha bloccato l'economia in molti territori era necessario fare un passo in più: l'ho detto intervenendo in Aula alla Camera (GUARDA IL MIO INTERVENTO QUI SOTTO).




Una cooperativa gode già di benefici di legge e fiscali rispetto alle aziende normali, le cooperative devono avere uno scopo mutualistico e non possono dividere utili oltre una certa soglia: e quale sarebbe lo scopo mutualistico di finanziare i partiti politici?

Non capisco quali interessi abbia il governo Lega e Movimento 5 Stelle a non garantire questa trasparenza. La corruzione si disegna solo con le bustarelle ma purtroppo oggi è anche liquida nei rapporti fra partiti e cooperative. Non capiamo perché il governo non abbia il coraggio di andare fino in fondo e spezzare questo legame creato dalla sinistra in Italia.