giovedì 31 gennaio 2019

CONCORSO POLIZIA: NO A LIMITE ETA' FISSATO IN CORSA


Fratelli d'Italia si oppone con forza all'emendamento presentato dalla Lega al decreto Semplificazioni che cambia in corso le regole del gioco di un concorso che si è già svolto per il reclutamento di allievi agenti di Polizia dello Stato, inserendo il limite dei 26 anni di età per coloro che hanno già superato le prime prove.

Questa scelta va a snaturare una graduatoria che si è già formata in base al voto conseguito alle prove scritte. Salvini e la Lega tornino immediatamente sui loro passi e non deludano un'intera generazione che in questo concorso ha investito molto e che ora, pur avendone diritto, vedrebbe insoddisfatte le loro aspettative.

Per questo Fratelli d'Italia presenterà un emendamento al decreto Semplificazioni - che firmerò insieme ai colleghi delle commissioni Affari istituzionali e Difesa della Camera Emanuele Prisco, Salvatore Deidda e Wanda Ferro - per eliminare questo limite e ridare così dignità ai tanti allievi della Polizia esclusi.