giovedì 17 gennaio 2019

SOLDI DEI BAMBINI AFRICANI AL COGNATO DI RENZI. VITTORIA! C'E' LA PRIMA QUERELA, L'INCHIESTA RIPARTE


Lo avevamo invocato più volte perché si potesse andare in fondo a questa nauseante vicenda. Finalmente una Ong, la Operation Usa di Los Angeles, organizzazione no profit tramite cui opera la Fondazione Pulitzer, ha sporto querela sulla vicenda dei soldi destinati alla Play Therapy Africa per attività di assistenza a bambini africani e che in realtà sarebbero passati sui conti privati del cognato di Renzi Alessandro Conticini, che era direttore e socio di Play Therapy.

6,6 milioni di euro che sarebbero stati utilizzati per operazioni immobiliari e anche per l'acquisto di quote di alcune società della famiglia Renzi o dello stretto giro. A dare notizia della novità sono stati alcuni quotidiani.



Sul caso sta indagando la Procura della Repubblica di Firenze, che grazie alla denuncia presentata dall'organizzazione potrà procedere. Dopo le elezioni del 4 marzo, in attesa della nascita del nuovo esecutivo, il governo Gentiloni aveva infatti approvato la norma "salva cognato di Renzi", rendendo il reato di "appropriazione indebita aggravata" procedibile non d'ufficio, ma solo su querela di parte. Un colpo di mano che era apparso mirato a censurare le verifiche in corso.

Per questo Fratelli d'Italia si è battuta in Parlamento, chiedendo al governo di abolire la norma "salva cognato di Renzi". Abbiamo presentato una mozione ad ottobre scorso (LEGGI QUI) e ottenuto l'approvazione di un ordine del giorno collegato alla manovra per mettere Unicef, una delle organizzazioni danneggiate, di fronte alle sue responsabilità (LEGGI QUI)

Le nostre pressioni hanno ottenuto risultati e le modifiche al decreto Anticorruzione hanno cambiato alcune norme sulla procedibilità d'ufficio. Così la Procura di Firenze, che adesso può comunque procedere nell'indagine, potrebbe avere un nuovo strumento per agire: le nuove norme sono allo studio, tutto sarà più chiaro dopo che il provvedimento sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.


Andrea Conticini, sposato con Matilde Renzi e con lei ex socio della famiglia Renzi in alcune società, è indagato per riciclaggio per gli acquisti, a nome del fratello Alessandro, di quote di tre società: la Eventi 6 della famiglia Renzi (i cui soci sono la madre e le sorelle di Matteo) la Quality Press Italia e la Dot Media di Patrizio Donnini e di sua moglie Lilian Mammoliti, legati ai Renzi. Queste operazioni risalgono al 2011. Alla Eventi 6 sarebbero arrivati 133 mila euro, alla Quality Press Italia 129 mila, alla Dot Media 4 mila.