mercoledì 19 dicembre 2018

GLOBAL COMPACT: FRANA IL DECISIONISMO DI SALVINI. LA LEGA NON DICE NO ALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA


Dopo quella avvenuta appena dieci giorni fa (LEGGI QUI) Pd, Leu, Movimento 5 Stelle e la Lega votano insieme ancora una volta (come si vede dalle luci rosse in Aula) contro la mozione di Fratelli d’Italia per dire no al Global Compact, il documento Onu che imporrà un'immigrazione senza limiti (LEGGI QUI). 

Il decisionismo gridato da Salvini frana così timidamente nell'ennesimo impacciato rinvio: il governo decide di non decidere e presenta una mozione per rimandare ancora una volta una scelta. Ecco qui il deputato leghista alla Camera Gualtiero Caffaratto che boccia la mozione presentata da Fratelli d'Italia per chiedere di respingere il documento e che sostiene invece la "non decisione" del governo.


"Stiamo votando una manovra nella quale non c'è niente di centro destra, ci siamo sorbiti cose che sono lontane da noi, se adesso i 5 stelle iniziano a dettare legge anche sulla politica migratoria mi chiedo che ci state a fare?", ha detto Giorgia Meloni intervenendo alla Camera.


Ma Fratelli d'Italia non molla: "Se governo e maggioranza si stanno illudendo che con il rinvio si sia chiuso il dibattito e la discussione sul Global Compact, si sbagliano di grosso", ha detto il capogruppo alla Camera Francesco Lollobrigida.

Nella riunione dei presidenti di gruppo Fratelli d'Italia chiederà per l'ennesima volta che il premier Conte venga al più presto a riferire in Parlamento sulla posizione dell'Italia. Il governo non può scappare all'infinito e prima o poi dovrà prendere una decisione netta e chiara.